TESTONI A CONFRONTO

TESTONI A CONFRONTO

Vita da Mamma

Da bambina sapevo il fatto mio, mia mamma ha sempre raccontato di come, all'età di due anni, io fossi una tremenda testa di cavolo. Lei onestamente utilizza altri vocaboli per definirmi ma preferisco mantenere una linea edulcorata. Non credo fossi molto diversa dagli altri duenni miei coetanei e non per niente si legge spesso che questa sia per antonomasia la fase dei "terrible 2" (che poi diventano 3-4-5 fino ad arrivare ai 25 quando ti mandano a quel paese se chiedi se tornano per cena - ma è un altro capitolo). 


Capricciosi, testardi, convinti di poter e saper fare tutto da soli. 

Ecco quindi che nemmeno noi ci sentivamo di poter rinunciare a questa meravigliosa fase, dove la lotta con la propria madre su qualsiasi posizione dalla pappa al bagnetto, dalla nanna al pannolino è all'ordine del giorno. Già, perché a volte penso che sia proprio come un piccolo adolescente irriverente e anarchico. Non ascolta nemmeno la fine della frase, parte con un secco NO, tanto per car capire da che parte spunta il sole.

"Leo vuoi un ..."
"NO!!"

Poco importa se gli stessi proponendo una vita a Disneyland o il cambio pannolino.

Voilà, stavo per scrivere che alla fine questa è una dimostrazione di carattere e che, in fin dei conti, per quanto sia più difficile come genitore, sapere di avere un figlio con un carattere forte (da non confondere con "carattere da bullo", ben inteso) è una bella cosa, in vista del futuro. Bene, questo è il sunto di quello che stavo scrivendo perché proprio mentre mi stavo spingendo in una teoria che nemmeno un filosofo dell'800, interrotta continuamente da un nano di 2 anni che mi gira attorno e che non ha voluto saperne di dormire (leggi: stanco morto, nevrastenico, ma convinto che non debba dormire, Lui). Lo stesso che mi urla nelle orecchie, cerca di arrampicarsi su di me e continua a toccare il mio harddisk noncurante dei miei "non toccare, non toccare, non toccare" a mo' di disco rotto.
Bene, è riuscito nel compito di staccarlo e farlo cadere per terra (grazie al cielo senza romperlo), rovesciare l'acqua rompendo il bicchiere e mandando il mio sistema nervoso in tilt per l'ennesima volta oggi.

Mi gonfio come un tacchino il giorno del ringraziamento, lo sgrido e lui, per tutta risposta, mi guarda con quell'aria da gatto di Shrek, lacrimuccia (finta, credetemi) all'angolo dell'occhio e sconsolato mi dice "mamma, ammmore".

Maledizione:

Leo 1 - Mamma 0

Ma prima o poi la spunto, vero?



La foto parla da sè: io che faccio la grande e mi fotografo mentre lavoro e a posteriori mi rendo conto di un piccolo Minion malefico che tira il cavo. Ottimo esempio di intelligenza.
FARFALLE ai CECI
FARFALLE ai CECI
  • 4
  • 1h15 + ammollo

INGREDIENTI

  • 320g farfalle rigate
  • 150g ceci crudi
  • 1 cipolla rossa
  • 1 spicchio di aglio
  • 3 pomodori
  • 2 cucchiai di passata di pomodoro
  • qb origano fresco
  • qb peperoncino o Tabasco
  • qb sale & pepe
  • qb olio d'oliva

PROCEDIMENTO

  • 12h prima mettere ammollo i ceci in abbondante acqua così da farli gonfiare. Scolarli, risciacquarli e cuocerli in abbondante acqua NON salata partendo da freddo (mai salare l'acqua dei legumi altrimenti tenderanno a restare duri e a non cuocere. Salarli solo a fine cottura) fino a quando risulteranno morbidi. Circa 45minuti a fuoco medio. A fine cottura salare leggermente. Scolarli e tenerli da parte
  • In una padella scaldare un goccio di olio d'oliva, rosolare la cipolla rossa precedentemente tritata e l'aglio in camicia schiacciato, lasciar rinvenire qualche istante prima di aggiungere i ceci con le foglie di origano. Unire i pomodori tagliati a pezzettoni e lasciar cuocere per un paio di minuti prima di aggiungere la passata e un mestolo di acqua se necessario. Salare, pepare e aggiungere peperoncino a piacere. Coprire e proseguire la cottura a fuoco medio-basso mescolando di tanto in tanto
  • Nel frattempo portare ad ebollizione abbondante acqua salata, buttare le farfalle e cuocerle secondo i tempi indicati sulla confezione
  • Scolare la pasta al dente, ripassarla in padella con il sugo in modo che tutto si amalgami per bene. Condire con un filo di olio d'oliva e servire


NOTE

I ceci si possono preparare in anticipo e utilizzare all'occorrenza. Sostituirli con dei fagioli.

Pensieri

Pensieri

Sembra ieri che ero qui con il pancione, come ...

Partecipa alla community